POS per medici e dentisti: quando diventerà obbligatorio?

Da qualche anno la tecnologia è avanzata tanto da consentirci di effettuare pagamenti senza usare soldi in contanti. Il dispositivo tecnologico che permette di pagare con carte prepagate, di credito o debito è il POS, l’argomento questo articolo.
Se da un lato esso facilita nell’effettuare acquisti e pagamenti presso il nostro medico o dentista in modo semplice, dall’altro non è facile per tutte le figure professionali adeguarsi a questa novità in modo repentino. Una domanda che sorge spontanea e di frequente è, infatti: quando diventerà obbligatorio il POS per medici e dentisti? Scopriamolo insieme.

 

Decreto-legge n. 124 del 26/10/2019 e sanzioni

 

Molti di voi probabilmente, verso la fine del 2019, sono venuti a conoscenza del contenuto del decreto-legge n. 124 del 26/10/2019. Esso prevedeva una sanzione pecuniaria per quelle attività commerciali che non avessero acconsentito ad un trattamento tramite POS ad un cliente. In particolare, queste avrebbero dovuto pagare 30 euro in aggiunta al 4% dell’ammontare della transazione del cliente. Inoltre, la decorrenza era prevista dal 1° luglio. Tra le attività commerciali incluse nel decreto vi erano anche tutti gli operatori sanitari, compresi il medico, il fisioterapista e il dentista.

2 mesi più tardi, circa, con l’uscita della nuova Legge di conversione n. 157 del 19/12/2019, questo decreto-legge venne abrogato a causa di un mancato accordo su una potenziale riduzione dei costi delle transazioni effettuate tramite POS. Dimenticatevi quindi le sanzioni sopra citate.

 

Quale normativa è attualmente in vigore?

 

Ora si continua invece a fare riferimento alla normativa 2013 che è attualmente in vigore. In particolare, questa prevede l’obbligo di possedere il POS nella propria attività commerciale. Tuttavia, nel caso in cui l’operatore sanitario non fosse in possesso del POS non è previsto alcun tipo di sanzione. Ecco, dunque, perché molte figure professionali in ambito medico non adottano l’uso del POS: essi possono risparmiare sui costi delle transazioni senza incorrere in sanzioni.

 

Novità 2020

 

Nonostante il possesso del POS non sia considerato un obbligo per medici e dentisti, si tratta comunque di una novità da considerare per offrire un valore aggiunto al nostro servizio per il paziente.

Per promuovere l’utilizzo del POS da parte dei professionisti in ambito medico, dallo scorso 1° luglio è diventato possibile richiedere il Bonus POS. Si tratta di un credito di imposta pari al 30% sulle spese del POS fruibile da professionisti e imprese che hanno registrano, nell’anno fiscale precedente, un ricavo inferiore ai 400.000 euro.

Inoltre, per favorire ulteriormente i pagamenti tramite POS, a partire dallo scorso 1° gennaio i pazienti possono detrarre dalla dichiarazione dei redditi solo le spese mediche traccibili, ovvero non pagate in contanti ma con carta di credito o Bancomat, se le visite sono erogate da medici privati o strutture non accreditate con il Sistema Sanitario Nazionale.

 

 

In questo articolo abbiamo quindi verificato la normativa attualmente in vigore in merito all’utilizzo del POS. Come abbiamo visto, questo dispositivo di pagamento non è obbligatorio per medici e dentisti, non sono quindi previste sanzioni qualora esso non fosse usufruibile dai pazienti. Tuttavia, questa modalità di pagamento sta diventando sempre più diffusa, semplice e conveniente, nonché essenziale per i pazienti che detraggono le spese mediche dalla dichiarazione dei redditi. Dunque, nonostante il suo uso non sia obbligatorio, il POS può essere molto utile per attirare i pazienti e offrire un servizio a 360° che ascolti le loro esigenze.

 






Claudio Masin
Claudio Masin
info@kronostech.it

Fondatore e CEO di KronosTech srl. Ci occupiamo di Consulenza Aziendale, Servizi informatici evoluti, Prodotti Sanità. Ho esperienza ventennale nella consulenza nel mondo interno delle aziende, essendo stato COO per due aziende di livello nazionale. La mia passione per il mondo Medical mi ha portato oggi ad unire le due cose e creare Kronos.

Ancora nessun commento

Scrivici un commento